Roma, la Capitale d'Italia - Itinerario per 4 Giorni

Aggiornamento: 14 set

Roma… Cosa dire di Roma?


Roma è la capitale d’Italia, luogo saturo di storia e arte di ogni tipo… Ci sono stata tante volte, ma questa è stata diversa da tutte le altre… Ho organizzato un vacanza all’insegna del divertimento e della cultura (non si può andare a Roma ed ignorare la cultura 😉)…


Quindi ecco qui il mio itinerario di 4 giorni a Roma.

 

1° Giorno


La prima cosa che faccio appena arrivo in una grande città è andare in metro per acquistare il biglietto travel. A Roma puoi scegliere se farlo single, per 24H, per 48H e per 72H.


Io ho scelto quello di 72H che ho pagato 18 euro.


Clicca qui per maggiori informazioni sugli abbonamenti.


Adesso sono pronta per girare la città in lungo e in largo.


Inizio dal Colosseo. In genere quando esci dalla metro alla fermata Colosseo ti ritrovi la struttura proprio davanti. Stupendo ovviamente ma pieno di persone. Per fare delle belle foto, appena uscite dalla metro, vi consiglio di andare a destra. Proseguendo troverete un ponte pedonale, li ce poca gente e le foto verranno sicuramente meno affollate 😊.


Vicinissimo al Colosseo si trova l’Arco di Costantino, bellissima la vista dell’Arco con sullo sfondo il Colosseo.

Arco di Costantino e Colosseo

Proseguendo per Via di San Gregorio si arriva al Circo Massimo, una specie di parco gigante dove ci si può rilassare, riposare e perché no? Anche mangiare un boccone distesi sul prato.


Circo Massimo

Una volta ripresi si può oltrepassare il Circo Massimo e arrivare alla Bocca della Verità.

La fila per farsi una foto con la bocca è infinita, in più ci sono gli orari di chiusura e apertura, quindi vi consiglio di informarvi e verificare gli orari per non arrivare li e trovare chiuso e rimanere delusi.


Bocca della Verità

A 10 minuti a piedi dalla Bocca della Verità si trova il Campidoglio, che è una sede di rappresentanza del comune di Roma.


Proseguendo si arriva al maestoso e bianchissimo Altare della Patria situato in Piazza Venezia. E’ uno dei monumenti più conosciuti di Roma, soprattutto per la festa del 25 aprile, quando aerei militari volano sulla capitale colorando il cielo con i colori della bandiera italiana.


Altare della Patria


Clicca qui per visualizzare l'itinerario del 1° Giorno


 

2° Giorno


Il secondo giorno mi sono svegliata presto perché la prima cosa in programma era la magnifica e famosissima Fontana di Trevi.

Vi chiederete: e perché svegliarsi presto?

Perché se vuoi goderti la pace e la serenità della fontana è necessario arrivare prima delle 9 di mattina. Già alle 10 si riempie di turisti e fare delle belle foto è impossibile.


Fontana di Trevi

Comunque fatte le foto e osservato la fontana gigante, c’è un'altra fontana degna di nota, non tanto per la bellezza, quanto per il significato.

La leggenda narra che se due innamorati bevono contemporaneamente da questa piccola fontana il loro amore sarà eterno…

Ora c’è chi è più romantico c’è chi è più cinico, ma nel dubbio direi di provare.

Stando di fronte alla Fontana di Trevi, la Fontana degli Innamorati si trova scendendo i gradini sulla destra 😊. Come dice mia nonna: “se non fa bene, non fa neanche male”.


Proseguiamo la visita al Pantheon, un antico tempio dedicato a tutte le divinità passate, presenti e future, oggi convertito in basilica cristiana.

E’ uno degli edifici antichi con la cupola più grande al mondo. Proprio quest’ultima è la parte più curiosa, perché al suo centro vi è un oculo (volgarmente, un enorme buco) che permette di godere della luce naturale all’interno della basilica.

Anche per entrare qui si deve fare una fila che però scorre molto velocemente quindi non scoraggiatevi, ne vale la pena di entrare.



Dopo ci dirigiamo verso un'altra piazza nota di Roma: Piazza Navona. Questa piazza, soprattutto la sera, è gremita di artisti che disegnano paesaggi, ritratti e caricature personalizzate. Si crea davvero una bella atmosfera.

Sempre in questa piazza si trova la Statua di Nettuno.


Statua di Nettuno

Proprio in una viuzza qui vicino ho scovato un ristorantino chiamato Coromandel.

E’ super carino e la loro cucina è molto particolare, ottimo per fare buonissimi brunch con pancake, egg benedict, croissant, pain an chocolat, bagel, cappuccini di tutti i tipi, persino matcha latte. Tutto veramente squisito.


Pain an Chocolat e Egg Benedict

Dopo aver mangiato cosi tanto una bella camminata è necessaria, e così si prosegue verso Castel Sant’Angelo. Prima di arrivare però, proprio lì di fronte, c’è via Arco dei Banchi, molto carino da vedere. Si tratta di una strada coperta dove nel soffitto è dipinto un cielo stellato.


Castel Sant'Angelo

Subito dopo Castel Sant’Angelo si fa strada verso La Basilica di San Pietro. Questa volta io non sono entrata all'interno del Vaticano, però so che, per entrare, è meglio prenotare prima il biglietto online e armarvi di pazienza, acqua e cappellino.

La fila sarà chilometrica ma sicuramente, anche qui, ne vale la pena.



Se vi rimane tempo e avete abbastanza energie potreste fare una bella passeggiata immersi nel verde di Villa Pamphili.

E’ un luogo stupendo dove rilassarsi, fare sport e osservare papere e tartarughe marine spiaggiate sulle coste del lago, (osservate attenzione... le tartarughe sembrano pietre).



All’interno di Villa Pamphiji c’è un bistrot molto carino (Vivi bistrot) dove fanno piatti biologici. Io ho assaggiato solo il dolce, ma guardando gli altri tavoli anche i piatti principali sembravano buonissimi.



Ultima attività di questa giornata che sembra infinita: Cube Challenges. Per arrivarci dovete prendere l’autobus, per la quale potete usare il biglietto che avete fatto per la metro.

Cube Challenges è un insieme di 26 stanze. All’interno di ogni stanza ci sono delle sfide da superare di intelligenza, forza e collaborazione.

Si gioca a tempo: 1 ora = 20 euro, 2 ore = 35 euro.

Inizialmente avevo intenzione di giocare per un ora ma poi mi stavo divertendo cosi tanto che mi sono fatta aggiungere un'altra ora per provare tutte le stanze e superare più sfide possibili… veramente stupendo.


Clicca qui per visualizzare l'itinerario del 2° Giorno

 

3° Giorno


Il terzo giorno iniziamo col botto.

Ci dirigiamo a Piazza di Spagna. Arrivati li verso le 10:30, la piazza era già gremita di persone; sarebbe stato molto meglio svegliarsi presto anche per vedere Piazza di Spagna, ma non ne avevo voglia, d’altro canto ero in vacanza 😉.


Piazza di Spagna

Da Piazza di Spagna facciamo una passeggiata in Via dei Condotti (dove si può solo guardare senza toccare... ahah XD), svoltiamo in Via del Corso (una via piena di negozi MOLTO meno costosi dei quelli di Via dei Condotti) arrivando così in Piazza del Popolo, un altra piazza famosissima di Roma, situata ai piedi del Pincio, dal quale si può ammirare Roma dall'alto.


Panorama di Piazza del Popolo dal Pincio

Vicinissimo al Pincio è situata Villa Borghese, un altro spazio verde di Roma. All’interno di questa villa c’è anche un laghetto, dove è possibile affittare delle barchette al costo di 4 euro a persona per un minimo di due persone. Un attività molto carina sopratutto per osservare da più vicino le tartarughe e i pesci che popolano il lago.



Nel pomeriggio ho prenotato i biglietti per entrare al Balloon Museum, una mostra interattiva temporanea di palloncini di tutti i tipi e forme e colori.




Clicca qui per maggiori informazioni sul Museo.


Il costo è di 15 euro a persona e vi consiglio di acquistare i biglietti online perché senno la fila sarebbe davvero lunga.


La sera abbiamo deciso di andare a mangiare a Trastevere in un ristorante molto particolare, non tanto per il cibo quanto per l’intrattenimento. Il nome del ristorante è “La Parolaccia”. Anche qui vi consiglio di prenotare.

E’ sempre tutto pieno, talmente pieno che mettono diverse prenotazioni allo stesso tavolo. Può capitare di ritrovarsi a mangiare con gente che non conosci mentre guardi uno spettacolo divertente tra battute spinte e canzoncine romane.

Ps: non adatto a gente permalosa o facilmente scandalizzabile 😉.


Per il dopocena vi suggerisco di provare il brivido di entrare in uno speakeasy.

Il più famoso di Roma è Jerry Thomas Speakeasy, un club stile anni venti.

E’ bene prenotare e scoprire la parola segreta per entrare, ma chissà, potreste essere fortunati ed entrare senza tante cerimonie XD.

Essendo un club è necessario iscriversi e pagare una quota annua di 5 euro (fatelo ne vale veramente la pena).




Clicca qui per visualizzare l'itinerario del 3° Giorno

 

4° Giorno


La mattina del quarto giorno ho deciso di oziare e di andare nuovamente a fare un brunch da Coromandel... Si vede che mi è piaciuto tanto? 😉

Volevo risparmiare le forze per il pomeriggio...


Il pomeriggio infatti siamo stati da Zero Gravity, una palestra attrezzata con tappeti elastici e prove fisiche stile Ninja Warriors.

Si paga 11 euro dal lunedi al venerdi (13 euro nel weekend) per 1 ora.

Credevo non bastasse, invece è più che sufficiente per persone nate prima del 2005 😉.


Per l’ultima sera per cena abbiamo scelto un’osteria vicino l’hotel, zona termini: Osteria da Marcello. I piatti sono tipici romani, l’osteria è elegante e molto pulita ed il personale davvero molto gentile e disponibile. In generale l’ambiente è tranquillo e rilassante, adatto ad un’ultima sera di buon cibo e relax.




 

Speriamo che la nostra esperienza vi sia stata utile.

Seguiteci sui social e condividete con noi le vostre foto di viaggio.




Ti potrebbe interessare:




9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti