Agrigento e le sue due attrazioni più famose uniche al mondo

Aggiornamento: 18 ott 2019


Agrigento è una delle provincie della Sicilia. In antichità fu uno delle città principali della regione sia economicamente che politicamente. Venne fondata intorno al 580 a.C. da alcuni abitanti di Gela, originari di Creta.

Una delle attrazioni più famose è la Valle dei Templi, che ovviamente è patrimonio UNESCO.

Questa splendida valle nasce 700 anni prima di Cristo e nonostante i saccheggi e gli innumerevoli eventi sismici, ancora oggi, si offre in un eccellente stato di conservazione.

E' comporta da ben 12 templi dorici. Il meglio conservato è il Tempio dell Concordia, chiamato cosi per un iscrizione trovata nelle vicinanza, non si sa a chi sia stato dedicato. E' posto su una base di 4 gradini, costruito in calca locale e composto da 6 colonne sui lati più corti e 13 sui lati lunghi. Alla fine del 6 secolo d.C. il tempio fu trasformato in una struttura cristinana consacrata agli apostoli Pietro e Paolo dal vescovo Gregorio.

Un altro tempio importante ma incompleto è il Tempio di Zeus, era caratterizzato dalla presenza dei Telomoni, giganti sculture di 7 metri e mezzo, che avrebbero avuto lo scopo di proteggere il tempio. Doveva essere uno dei templi greci più grandi, lungo 112 metri e largo 56.

Poi c'è il Tempio di Giunone. Fu costruito nel 450 a.C. e restaurato dopo un incendio di romani. E' considerato il tempio gemello della Concordia per via delle dimensioni identiche.

Sono presenti molti altri templi come quello di Ercole, Esculapio, Hefestos, Demetra, Asclepio. Ognuno con storie e particolarità diverse.

L'atmosfera all'interno della valle è mistica e misteriosa, ti porta indietro nel tempo e si rigenera ad immaginare come doveva essere una volta. Un emozione imperdibile.

Tempio della Concordia

Inoltre davanti il Tempio della Concordia è situato una Statua di Icaro, creata e donata dallo scultore polacco Igor Mitoraj. La statua rappresenta la caduta di Icaro, che disubbidisce al padre, e volando troppo vicino al sole, brucia le ali di cera e precipita nel Mediterraneo.


Statua di Icaro Caduto e Tempio della Concordia

L'altra attrazione da non perdere è la Scala dei Turchi. E' una parete rocciosa a picco sul mare. E' diventata famosa, oltre che per la sua forma particolare e il colore bianchissimo, anche per le varie comparse nelle vicende del "Commissario Montalbano", capolavoro di Andrea Camilleri, uno degli scrittori siciliani più famosi di questa epoca.

Il nome viene attribuito dalle incursioni passate di pirati, saraceni e arabi, per convenzione quindi Turchi, ecco qui il nome Scala dei Turchi.


Scala dei Turchi

Scala dei Turchi

Oltre a questi due luoghi da non perdere assolutamente, vi consiglio di fare un giro anche a Porto Empedocle, uno dei porti più importanti della Sicilia e luogo di ispirazione per Luigi Pirandello, il drammaturgo premio nobel e Andrea Camilleri.

Anche un giretto nel centro storico di Agrigento non sarebbe male, pieno di viuzze caratteristiche, scalinate, chiese e arte nascosta.


Porto Empedocle


Centro Storico di Agrigento





 

Qui termina il nostro tour di Agrigento. Speriamo vi sia stato d'aiuto per il vostro viaggio.

Seguiteci sui nostri social e condividete con noi le vostre foto.


Per vedere il video riassunto di Agrigento clicca qui.

31 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti